201701.17
0

Lavoro: l’importanza della perizia tecnica di parte (CTP)

in Blog

Da Bari arriva la penalizzazione del contumace.

Nelle aule di Tribunale nota come CTP, si tratta della consulenza tecnica di parte. E’ un mero conteggio delle somme spettanti al lavoratore che, con ricorso, farà istanza al giudice per il riconoscimento di somme a qualunque titolo (differenze retributive, contributive, diversa applicazione di contratto, risarcimento danni ecc.).

Nell’ambito del diritto del lavoro, l’ausilio del consulente del lavoro è essenziale. Spesso, infatti, si verifica che il calcolo viene eseguito esclusivamente dal legale che ha capacità diverse ma non è, talvolta, specializzato nella redazione di una vera e propria perizia. Ne deriva che, una diversa quantificazione delle somme spettanti, oggetto del ricorso, determina una soglia diversa di applicazione del contributo unificato determinato in relazione al valore del procedimento, ovvero alla dichiarazione del valore del procedimento eseguita dall’avvocato all’interno dell’atto.

Ma vi è una novità che potrebbe cambiare le sorti di alcuni giudizi e quindi di lavoratori e datori di lavoro.

Di recente, infatti, alcuni Tribunali italiani, stanno iniziando a penalizzare chi è contumace. Con Bari in testa, una posizione favorevole in ossequio al principio di non contestazione.

Per ultimo, il Tribunale di Bari, con la Sentenza n. 5008 del 15.10.2015, ha stabilito che Giudice adito può dare massimo peso ai calcoli presentati dal consulente del lavoro di parte, se il datore di lavoro è contumace. Quindi, l’Autorità giudicante potrà basare la propria decisione sulla base dei calcoli presentati dal dipendente con la perizia di parte dal ricorrente depositata in quanto il datore di lavoro convenuto non deduce, né prova, la ricorrenza di fatti estintivi o modificativi alle pretese del lavoratore.

Da ciò deduciamo che chi si presenta in giudizio con una perizia potrebbe avere una carta in più per vincere.

Per questi motivi, la collaborazione fra consulenti del lavoro, commercialisti e avvocati, giuslavoristi e non, è basilare prima ancora di entrare nelle aule di Tribunale. Non depositare un ricorso, se non ci sono i requisiti, non vuole significare rinunciare ai propri diritti, semmai evitare condanne alle spese.

A Trapani lo Studio D’Angelo è specializzato nella redazione di perizie/consulenze tecniche di parte in materia di lavoro con l’Avvocato D’Angelo. Infatti la fitta collaborazione del consulente del  lavoro e dell’avvocato dello Studio D’Angelo a Trapani ha portato nel tempo importanti risultati già nella fase conciliativa fra lavoratore e datore di lavoro.

Stampa